Salento come Napoli: rifiuti per strada

Andare in basso

Salento come Napoli: rifiuti per strada Empty Salento come Napoli: rifiuti per strada

Messaggio  In The Main il Lun Gen 05, 2009 11:56 am

Salento come Napoli rifiuti per strada

UGENTO - I sacchetti dell’immonzia cominciano ormai ad accatastarsi accanto ai cassonetti stracolmi. E sono il campanello d’allarme di quello che potrebbe succedere se la situazione della discarica Burgesi di Ugento, «occupata» da due giorni dai manifestanti, non dovesse sbloccarsi. Il Sud Salento vive momenti di tensione e per una settantina di comuni aleggia lo spettro della Campania.



Con l’unica discarica indisponibile e senza nuovi impianti previsti dal Piano regionale, per il momento non resta altro da fare che tenere i rifiuti in casa. L’invito alle comunità locali è stato ribadito ieri dagli amministratori del terzo Ambito territoriale (Ato Lecce 3), che assieme all’Ato Lecce 2 (un bacino che assomma 46 comuni) si trova a dover fare i conti con una crisi senza precedenti.


Da oggi, infatti, i cassonetti non verranno più svuotati perché gli automezzi sono ormai stipati di rifiuti da alcuni giorni. Per tamponare la situazione ed evitare che i rifiuti finiscano ammassati per strada l’Ato Lecce 3 distribuirà stamattina in 24 comuni maxi-buste della spazzatura, dove le famiglie potranno temporaneamente sigillare gli scarti. In più, i comuni provvederanno a fornire adeguate istruzioni alla popolazione facendo girare propri addetti per le strade con i megafoni. Ma scenari di disagio cominciano a delinearsi già in qualche comune. A Specchia, Supersano, Presicce e Galatone, ad esempio, decine di sacchetti circondano da qualche ora i contenitori traboccanti.

E anche a Galatina si corre ai ripari con un rimedio inventato al momento per scongiurare caos e sporcizia. Il sindaco Sandra Antonica ha fatto allestire un’aera di stoccaggio provvisoria vicino al quartiere fieristico. Qui sono stati sistemati duecento cassonetti vuoti dove i cittadini potranno portare i rifiuti con i propri mezzi, visto che le ditte non possono intervenire.


Ad Ugento, intanto, continua il blocco della discarica. La barricata è attuata giorno e notte dai cittadini che, assieme al sindaco Eugenio Ozza ed agli amministratori locali, si sono opposti alla proroga del funzionamento dell’impianto per un mese, autorizzata dal commissario per l’emergenza ambientale Nichi Vendola. Un provvedimento che, in seguito all’impugnazione del Comune, il Tar di Lecce ha riconosciuto legittimo. Ma se il Tribunale amministrativo ha dato il via libera al conferimento nell’impianto di Burgesi per i cittadini è tutt’altro che «semaforo verde» ed anche ieri notte, nonostante il freddo, hanno presidiato l’ingresso della struttura, accendendo dei falò per riscaldarsi nelle ore più
fredde.


La situazione nel comune resta quindi difficile. E ieri il parroco don Stefano Rocca ha incontrato il presidente della Regione Vendola ed il presidente della Provincia di Lecce, Giovanni Pellegrino. Da loro ha avuto assicurazione che una soluzione alternativa verrà individuata già nel vertice istituzionale sull’emergenza fissato in Prefettura per dopodomani. Un confronto al quale interverrà anche l’assessore regionale all’Ambiente, Michele Losappio.


L’attenzione è ora puntata sul vertice del 7 gennaio, cui sono affidate le speranze di veder svanire quello che in molti cominciano a vivere come un incubo. In quell’occasione numerosi sindaci del Sud Salento «grideranno» il loro disagio, manifestando sotto la Prefettura con indosso la fascia tricolore.

--------------


Questa mattina sono un centinaio (ieri una quarantina) i manifestanti che presidiano le strade per impedire il conferimento dei rifiuti prodotti da gran parte dei Comuni salentini, disposto sino a fine gennaio da un’ordinanza del commissario per l’emergenza ambientale in Puglia, il presidente della Regione, Nichi Vendola. La legittimità dell’ordinanza è stata confermata due giorni fa dal Tar.


I manifestanti oggi stanno facendo volantinaggio, spiegando ai cittadini i motivi della protesta: toglieranno il blocco solo dopo un impegno scritto del prefetto di Lecce nel quale lo smaltimento dei rifiuti a Ugento viene revocato perchè la discarica è pressochè colma. Intanto, i rifiuti solidi urbani continuano a essere raccolti nei 24 Comuni dell’Ato Lecce 3 (che si serve della discarica di Burgesi) e nei 46 dell’Ato Lecce 2 (che, in base alla decisione di Vendola, devono essere smaltiti nel sito di Ugento).

I rifiuti rimangono negli autocompattatori che nelle prossime ore dovrebbero raggiungere la capienza massima. Nei 70 Comuni vivono circa 460mila abitanti. Alcuni Comuni stanno invitando i cittadini a trattenere il più possibile i rifiuti in casa. Altri hanno distribuito buste giganti per la raccolta dei rifiuti. Altri ancora, come nel Comune di Galatina, hanno incrementato il numero dei cassonetti che, ovunque, sono ormai stracolmi. Per risolvere la situazione è stato convocato un vertice nella prefettura di Lecce per il 7 gennaio.

Piero Bacca
da lagazzettadelmezzogiorno.it
In The Main
In The Main
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 2027
Data d'iscrizione : 18.09.08
Località : Andria

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Salento come Napoli: rifiuti per strada Empty Re: Salento come Napoli: rifiuti per strada

Messaggio  bender il Lun Gen 05, 2009 4:19 pm

Se lo meritano! Laughing Laughing Laughing Laughing

Spero solo che Berlusconi non risolva il loro problema tanto velocemente come a Napoli!
bender
bender
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 3158
Data d'iscrizione : 15.06.08
Età : 43
Località : Andria - Bari

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum