PIETRO SPORTILLO.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

PIETRO SPORTILLO.

Messaggio  maryan85 il Mer Apr 08, 2009 8:26 am

Solidità difensiva. Bestia nera degli attaccanti avversari. Forte attaccamento alla maglia. Sono queste le prerogative principali che fanno di Pietro Sportillo uno dei più forti difensori in assoluto della categoria. Pilastro dell’Andria, con lui in campo tutta quanta la squadra, acquista sicurezza e tenacia. Domenica nella gara contro il Cassino è riuscito finalmente a segnare il suo primo gol stagionale, degno premio per un’annata che lo sta vedendo tra i protagonisti della marcia trionfale biacoazzurra.

Domenica è arrivato un punto prezioso che sostanzialmente non modifica di molto la classifica e tiene a debita distanza proprio il Cassino.
Sì, io lo definirei un punto d’oro! Forse da Gennaio a questa parte era la partita più delicata che affrontavamo. Se analizziamo la gara, si vede come siamo andati sotto ingiustamente già dopo pochi minuti. Ci abbiamo messo l’anima per agguantare il pareggio. Ci sono stati negati almeno 2 rigori. Poi abbiamo sbagliato altre occasioni. Beh credo che la gara l’abbiamo fatta noi.

Come giudichi tu i fischi ricevuti a fine gara, per aver condotto gli ultimi 15 minuti in maniera poco azzardata.

Mah guarda io capisco i nostri tifosi che avrebbero voluto vedere maggior gioco nel finale. Però io la vedo così. Ripeto siamo andati sotto subito. Abbiamo reagito. Abbiamo creato. Però alla fine non abbiamo voluto rischiare, solamente perché guardando la classifica siamo in una posizione più favorevole rispetto alle altre. Non condivido chi sostiene che questa squadra abbia fatto di tutto per pareggiare. Se si analizza la classifica si può vedere che noi abbiamo 13 vittorie e nove sconfitte in 28 giornate. Pochi pareggi quindi; perciò non siamo una squadra che si fissa su un risultato preciso, ma che entra in campo sempre per vincere. Però io i pareggi non li butto, perché se non vinco una partita, allora preferisco non perderla.

E del tuo gol che ci dici.

Finalmente ho segnato anche io. Sono felice. Appena ho segnato, sono corso verso i miei compagni che erano in panchina. Proprio a loro ho dedicato il gol perché si allenano con tutto il cuore durante la settimana e magari giocano scampoli di partita o nemmeno quelli. Io sono più fortunato di loro, perciò mi sembra giusto essergli vicini.

Senti Pietro, quando giochi dimostri di essere sempre agguerrito ma sostanzialmente convinto dei tuoi mezzi e dunque sereno. E’ un atteggiamento che deriva dalla tua esperienza o dalla consapevolezza di essere in una squadra forte?

Ti posso assicurare che la serenità è solo apparente. In campo ci metto tutta la foga che ho in corpo. Certo la sicurezza la devo dimostrar per forza perché ho molta esperienza alle spalle e non posso certo fare prestazioni come un ragazzo di 20 anni. Poi ovviamente giocare in una squadra che io personalmente considero fortissima, aiuta parecchio. Ma a dirla tutta io mi diverto a giocare, perché pratico lo sport più bello del mondo, incitato da migliaia di persone. Se si pensa che ci sono persone che pagano per giocare, mentre a noi ci pagano, cosa devo chiedere di più!

Domenica che effetto ti ha fatto rivedere tutti quei tifosi allo stadio?

Mi ha fatto molto piacere. Ringrazio la società in primis perché ha fatto molti sforzi per riportare la gente in massa allo stadio abbassando i prezzi e credo che il risultato conseguito sia stato più che soddisfacente. Non dimentichiamo che abbiamo giocato 4 partite a porte chiuse con un danno incalcolabile per la società stessa. Poi ringrazio i nostri tifosi che ci hanno seguito in massa anche in trasferta, supportandoci e facendoci sentire quasi come a casa.

A 6 giornate dalla fine ti senti di fare un bilancio della stagione? C’è una partita che ha cambiato il volto al campionato?

Mah guarda ripensando io credo che la partita determinate sia stata quella contro laVigor Lamenzia all’andata. Siamo andati in svantaggio, venivamo da 2 sconfitte consecutive e la situazione non era delle migliori. La vittoria arrivata alla fine ci ha dato spinta e morale per affrontare il resto delle partite con serenità.

Domenica si chiude il trittico di ferro con il Cosenza.


Non sarà una partita facile e lo sappiamo. Loro sono una squadra ben organizzata e hanno fatto più punti di tutti. Noi dal canto nostro dobbiamo andare lì per fare la nostra partita. Guarda io credo che la partita più difficile per noi sia quella in casa con la Val di Sangro, lì veramente dobbiamo fare l’impresa. Col Cosenza siamo nelle condizioni di disputare una gran partita, e faremo di tutto per non tornarcene a mani vuote.



LA NOSTRA FORZA SIETE VOI.


tifoandria.forumattivo.comasandriabat.it

_________________
..... per cortesia ed eleganza... (cit.)
avatar
maryan85
Admin
Admin

Numero di messaggi : 3570
Data d'iscrizione : 15.06.08
Età : 32
Località : andria

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum