zaccaro si è dimesso!

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  In The Main il Lun Lug 27, 2009 5:27 pm

mica è fesso zaccaro....perchè dovrebbe dimettersi veramente? continuerà a prendere i suoi 10mila euro al mese (l'ho sparata grossa? quanto prende un sindaco?) fino ad aprile prossimo e poi non si ricandiderà.....
avatar
In The Main
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 2025
Data d'iscrizione : 18.09.08
Località : Andria

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  iandriavast il Lun Lug 27, 2009 6:04 pm

I SOLITI COMUNISTI INCOERENTI Mad Mad Mad Mad Mad Mad
avatar
iandriavast
Primo Ufficiale
Primo Ufficiale

Numero di messaggi : 896
Data d'iscrizione : 26.01.09
Età : 28
Località : live from ù tirassegn

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  SEMPER TECUM ANDRIA il Lun Lug 27, 2009 9:01 pm

ORGOGLIOSO DI ESSERE ANDRIESE......BIANCO-AZZURRO!!!
IL RITORNO DI ZACCARO: UN NUMERO DI ALTA SCUOLA CIRCENSE!!!
VERGOGNA
avatar
SEMPER TECUM ANDRIA
Pelapatate
Pelapatate

Numero di messaggi : 33
Data d'iscrizione : 03.01.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  Riccardo il Lun Lug 27, 2009 9:44 pm

Complimenti Sindaco e ben tornato , speriamo in tempo prima che quelli che l hanno voluta fuori si siano divisi la torta !!!!!!!!
avatar
Riccardo
Navigatore
Navigatore

Numero di messaggi : 313
Data d'iscrizione : 29.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  andrisano il Lun Lug 27, 2009 10:30 pm

iandriavast ha scritto:I SOLITI COMUNISTI INCOERENTI Mad Mad Mad Mad Mad Mad

ti ricordo che un paio di anni fa i comunisti incoerenti non hanno votato a favore del finanziamento della missione in afghanistan e per qualche voto il governo prodi è caduto (la prima volta)....
quell'altro che invece ti governa va al family day con i papa-boys di giorno e di notte va a puttane senza preservativo...alla faccia della coerenza! e non mi venite a parlare di vita privata...perche quelli che vanno a puttane e rischiano 500 euro di verbale non sono piu fessi di lui!!
ed allora chiunque fa qualcosa di illecito cosa dirà: eh no! è la mia vita privata! ma pfaaavoouur!!
come sempre dimostri la tua parzialità forse dettata dal fatto di non conoscere i fatti o di non volerli ricordare quando non ti conviene
ah cmq....non credere sempre al papi, perchè zaccaro non è comunista e poi fammela dire tutta:
avete rotto i coglioni con sta storia dei comunisti (che d'altronde non esistono quasi più) quando non avete argomenti...un consiglio: apri gli occhi che a tenerli chiusi non ci vuole niente! gianni ciardo docet!
avatar
andrisano
Primo Ufficiale
Primo Ufficiale

Numero di messaggi : 815
Data d'iscrizione : 31.07.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  dj_miki il Mar Lug 28, 2009 12:37 pm

andrisano ha scritto:
iandriavast ha scritto:I SOLITI COMUNISTI INCOERENTI Mad Mad Mad Mad Mad Mad

ti ricordo che un paio di anni fa i comunisti incoerenti non hanno votato a favore del finanziamento della missione in afghanistan e per qualche voto il governo prodi è caduto (la prima volta)....
quell'altro che invece ti governa va al family day con i papa-boys di giorno e di notte va a puttane senza preservativo...alla faccia della coerenza! e non mi venite a parlare di vita privata...perche quelli che vanno a puttane e rischiano 500 euro di verbale non sono piu fessi di lui!!
ed allora chiunque fa qualcosa di illecito cosa dirà: eh no! è la mia vita privata! ma pfaaavoouur!!
come sempre dimostri la tua parzialità forse dettata dal fatto di non conoscere i fatti o di non volerli ricordare quando non ti conviene
ah cmq....non credere sempre al papi, perchè zaccaro non è comunista e poi fammela dire tutta:
avete rotto i coglioni con sta storia dei comunisti (che d'altronde non esistono quasi più) quando non avete argomenti...un consiglio: apri gli occhi che a tenerli chiusi non ci vuole niente! gianni ciardo docet!
nn ti scaldare molto, fa gia caldo.....posso darti io un consiglio?!...xke invece di criticare sempre e cmq una persona, nn parli della situazione andriese?...andria sta nella m***a totale e nn x colpa di berlusca(o vuoi ank dare la colpa a lui?), la colpa e di ki x tutti questi anni ha pensato solo a prendere voti e stipendi e se ne sbattuto di fare qualcosa x la città...e nn contenti continuano imperterriti nella speranza di prenderci per il c**o....la dovete finire con sta pagliacciata!!!...andriesi sveglia!!!

ps qualcuno ha assistito al primo consiglio provinciale bat?...elezione del presidente del consiglio con scutigno pubblico....ke avevano da nascondere quelli ke volevano lo scrutigno segreto?
Laughing

_________________
chi si accontenta gode, chi gode non si accontenta maiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
avatar
dj_miki
Admin
Admin

Numero di messaggi : 3556
Data d'iscrizione : 22.04.09
Località : ANDRIA

Vedi il profilo dell'utente http://www.futsalandria.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  bender il Mer Lug 29, 2009 12:01 pm

sono appena tornato da dublino e mi leggo quesata notizia... non sono arrabbiato, sono allibito!

ma nelle mani di chi siamo???
avatar
bender
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 3158
Data d'iscrizione : 15.06.08
Età : 41
Località : Andria - Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  Ospite il Mer Lug 29, 2009 12:03 pm

dj_miki ha scritto:
andrisano ha scritto:
iandriavast ha scritto:I SOLITI COMUNISTI INCOERENTI Mad Mad Mad Mad Mad Mad

ti ricordo che un paio di anni fa i comunisti incoerenti non hanno votato a favore del finanziamento della missione in afghanistan e per qualche voto il governo prodi è caduto (la prima volta)....
quell'altro che invece ti governa va al family day con i papa-boys di giorno e di notte va a puttane senza preservativo...alla faccia della coerenza! e non mi venite a parlare di vita privata...perche quelli che vanno a puttane e rischiano 500 euro di verbale non sono piu fessi di lui!!
ed allora chiunque fa qualcosa di illecito cosa dirà: eh no! è la mia vita privata! ma pfaaavoouur!!
come sempre dimostri la tua parzialità forse dettata dal fatto di non conoscere i fatti o di non volerli ricordare quando non ti conviene
ah cmq....non credere sempre al papi, perchè zaccaro non è comunista e poi fammela dire tutta:
avete rotto i coglioni con sta storia dei comunisti (che d'altronde non esistono quasi più) quando non avete argomenti...un consiglio: apri gli occhi che a tenerli chiusi non ci vuole niente! gianni ciardo docet!
nn ti scaldare molto, fa gia caldo.....posso darti io un consiglio?!...xke invece di criticare sempre e cmq una persona, nn parli della situazione andriese?...andria sta nella m***a totale e nn x colpa di berlusca(o vuoi ank dare la colpa a lui?), la colpa e di ki x tutti questi anni ha pensato solo a prendere voti e stipendi e se ne sbattuto di fare qualcosa x la città...e nn contenti continuano imperterriti nella speranza di prenderci per il c**o....la dovete finire con sta pagliacciata!!!...andriesi sveglia!!!

ps qualcuno ha assistito al primo consiglio provinciale bat?...elezione del presidente del consiglio con scutigno pubblico....ke avevano da nascondere quelli ke volevano lo scrutigno segreto?
Laughing

Ciao! penso che finalmente possiamo essere d'accordo (o quasi)....
hai ragione tu quando dici che è sbagliato criticare una sola persona come causa di tutti i mali: chiaramente non è solo lui, ma proprio tutto il sistema politico composto da tanta gente di merda ( e qui potrei aprire una lista infinita che va da andreotti a fassino, per passare da tutti gli scugnizzi del papi come i vari SKYfani, bondi....e tanti altri che non elenco perchè mi sta venendo il vomito!!) che stanno lì solo a creare consenso per tenersi ancora saldamente seduti sulle poltrone e se ne fottono di risolvere i problemi dela gente che poi devono strumentalizzare appunto per creare e mantenere consenso!!!
Ma se rileggi bene la discussione il mio era un intervento di risposta alla banale storiella dei comunisti che si mangiano i preti ed i bambini: ma tu ci credi veramente??? oppure non può essere una filastrocca per distrarti da tutto il resto??
per quanto riguarda la politica locale sono d'accordo con te che questa classe dirigente (sx e dx)è incompetente e soprattutto vecchia con troppa paura di riformare la nostra città!!
ma anche noi cittadini, animati da un mix di rassegnazione e pigrizia abbiamo paura o forse non abbiamo la volontà di cambiare...ed è per questo che sono d'accordo con te: ANDRIA SVEGLIATI!

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  dj_miki il Mer Lug 29, 2009 12:53 pm

se si parla di comunismo, fascismo, ecc....di pensieri politici ke anno fatto la storia e un conto(nn capisco come mai il partito fascista e stato bandito e quello comunista no, cmq lasciamo perdere)...se vogliamo parlare dei pensieri politici ke stanno facendo la storia e un altro...pero qui c'e da fare un piccolo appunto xke la politica ai giorni nostri e cambiata, i comuni e regioni hanno molti piu poteri, cosa ke serviva a creare ancor di piu uno sviluppo territoriale, ma ke noi nn siamo capaci di sfruttare...avoglia a mandare milioni su milioni lo stato o l'europa noi nn abbiamo la capacità di sfruttarli, x colpa di gente ke e incompetente-menefreghista-arrivista, ed aggiungere ignorante xke nn sa ne su cosa, ne come, ne dove andare a investire soldi...conosce solo un metodo: "il mattone" conservare e nn investire, mettersi in gico e mettere in gioco gli altri...il lavoro bisogna cercarselo e/o crearselo, nn viene mica bussare alla porta!!!quindi diamoci una svegliata altrimenti resteremo sempre dietro tutto e tutti!!!

_________________
chi si accontenta gode, chi gode non si accontenta maiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
avatar
dj_miki
Admin
Admin

Numero di messaggi : 3556
Data d'iscrizione : 22.04.09
Località : ANDRIA

Vedi il profilo dell'utente http://www.futsalandria.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  Ospite il Mer Lug 29, 2009 12:56 pm

dj_miki ha scritto:se si parla di comunismo, fascismo, ecc....di pensieri politici ke anno fatto la storia e un conto(nn capisco come mai il partito fascista e stato bandito e quello comunista no, cmq lasciamo perdere)...se vogliamo parlare dei pensieri politici ke stanno facendo la storia e un altro...pero qui c'e da fare un piccolo appunto xke la politica ai giorni nostri e cambiata, i comuni e regioni hanno molti piu poteri, cosa ke serviva a creare ancor di piu uno sviluppo territoriale, ma ke noi nn siamo capaci di sfruttare...avoglia a mandare milioni su milioni lo stato o l'europa noi nn abbiamo la capacità di sfruttarli, x colpa di gente ke e incompetente-menefreghista-arrivista, ed aggiungere ignorante xke nn sa ne su cosa, ne come, ne dove andare a investire soldi...conosce solo un metodo: "il mattone" conservare e nn investire, mettersi in gico e mettere in gioco gli altri...il lavoro bisogna cercarselo e/o crearselo, nn viene mica bussare alla porta!!!quindi diamoci una svegliata altrimenti resteremo sempre dietro tutto e tutti!!!

con piacere quoto!!!

p.s. in ITALIA il fascismo è stato al potere con un colpo di stato e si è dimostato un regime dittatoriale oppressivo e xenofobo.
in ITALIA il comunismo non è MAI stato al potere.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  dj_miki il Mer Lug 29, 2009 1:01 pm

ps = Very Happy

_________________
chi si accontenta gode, chi gode non si accontenta maiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
avatar
dj_miki
Admin
Admin

Numero di messaggi : 3556
Data d'iscrizione : 22.04.09
Località : ANDRIA

Vedi il profilo dell'utente http://www.futsalandria.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  bender il Mer Lug 29, 2009 11:32 pm

Arseniko ha scritto:p.s. in ITALIA il fascismo è stato al potere con un colpo di stato e si è dimostato un regime dittatoriale oppressivo e xenofobo.
in ITALIA il comunismo non è MAI stato al potere.

punto 1): il fascismo in italia è salito al potere REGOLARMENTE (come il nazismo in germania, del resto);

punto 2): il comunismo FORMALMENTE non è mai stato al potere in italia, ma in realtà dal '48 in poi OGNI GOVERNO ha dovuto "accontentare" i comunisti (non dimenticate il referendum sul divorzio).

giusto per chiarire le idee a qualcuno...
avatar
bender
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 3158
Data d'iscrizione : 15.06.08
Età : 41
Località : Andria - Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  In The Main il Gio Lug 30, 2009 8:28 am

bender ha scritto:punto 1): il fascismo in italia è salito al potere REGOLARMENTE (come il nazismo in germania, del resto);


La conquista del potere: la marcia su Roma (28 ottobre 1922)

La possibilità di conquistare il potere con la forza fu prospettata per la prima volta da Benito Mussolini il 29 settembre 1922, in una seduta segreta a Firenze della direzione fascista. La decisione di passare all’azione si ebbe il 16 ottobre 1922, nella riunione a Milano del gruppo dirigente fascista, nel corso della quale venne anche costituito il quadrumvirato che avrebbe diretto l'insurrezione, formato da De Vecchi, De Bono, Balbo e Bianchi. Pochi giorni dopo, il 24 ottobre, al Congresso fascista di Napoli, arrivò il proclama ufficiale di Mussolini: "O ci daranno il governo o lo prenderemo calando a Roma".

Secondo i piani, il quadrunvirato, insediato a Perugia, avrebbe assunto nella notte tra il 26 e il 27 i pieni poteri e nei due giorni successivi sarebbe seguita la mobilitazione delle squadre fasciste che avrebbero occupato i punti chiave dell'Italia centrale. Le bande destinate a marciare sulla capitale (26.000 uomini) furono inquadrate in quattro colonne (una di riserva e tre concentrate a Santa Marinella, Monterotondo e Tivoli) e cominciarono a muovere verso Roma il 27. Mussolini rimase a Milano in attesa degli sviluppi della situazione a livello governativo.

In grande ritardo, dopo la mezzanotte tra il 27 e il 28 ottobre 1922, il presidente del consiglio Luigi Facta, richiamato il re da San Rossore (Pisa) a Roma, convocò il Consiglio dei ministri per predisporre il decreto di stato d’assedio, che dava pieni poteri al governo per disperdere i fascisti con l'esercito. Il generale Pugliese, capo del territorio di Roma, predispose, con i suoi 28.000 uomini, la difesa della capitale. La mattina del 28 le bande fasciste vennero temporaneamente fermate a Civitavecchia, Orte, Avezzano e Segni.

Vittorio Emanuele III, che alle due del mattino aveva espresso il suo accordo con la decisione del governo, quando di prima mattina ricevette Facta con il decreto (che era già stato affisso nelle strade della capitale), anche perché influenzato dal parere negativo di Salandra e di Giolitti, si rifiutò di firmarlo.

Caduto Facta, il re propose a Mussolini un ministero con Salandra, ma il duce rifiutò sostenendo la richiesta di un governo interamente fascista. Il 29 ottobre Vittorio Emanuele cedette e chiese formalmente a Mussolini di formare il nuovo esecutivo.

Quando i fascisti entrarono a Roma, era già tutto deciso. Nonostante la successiva mitizzazione della "marcia", essa fu essenzialmente una parata: le squadre fasciste, infatti, giunsero nella capitale 24 ore dopo che Mussolini aveva già ricevuto l’incarico di formare il nuovo governo. Lo stesso duce arrivò a Roma in vagone-letto da Milano la mattina del 30 ottobre e la sera salì al Quirinale per sottoporre al re la lista dei suoi ministri.

La marcia su Roma e la conquista del potere da parte di Mussolini rappresentarono il momento culminante di un periodo di scioperi (il cosiddetto biennio rosso, 1919-20), violenza e illegalità diffusa cui le istituzioni dello Stato liberale – governi deboli e incapaci di durare a lungo - non erano riuscite a porre rimedio, e che aveva visto gli squadristi fascisti protagonisti, in contrapposizione ai socialisti, ai sindacati e alle leghe contadine.

Vissuto in forma minoritaria e marginale fino all’inizio del 1921, il fascismo si inserì nel vuoto di potere e nella crisi dello Stato liberale mediante la violenza e le spedizioni punitive delle "squadre d’azione" – spesso tollerate dalle autorità locali e in alcuni casi perfino appoggiate da esercito e polizia – contro Case del Popolo, sezioni socialiste e amministrazioni comunali rosse. Con le parole d’ordine del nazionalismo e dell’anti-socialismo, il movimento di Benito Mussolini raccolse in breve tempo il largo consenso sia di ex-combattenti, agrari a media borghesia urbana, sia dei centri di potere degli industriali e dell’alta borghesia (di qui la tesi secondo la quale l’avvento del fascismo avrebbe avuto la funzione di impedire la presa del potere da parte dei socialisti in Italia, accreditata anche dal fatto che le forze conservatrici europee inizialmente guardano con un certo favore all’ascesa di Mussolini).

Quando Mussolini andò al potere, buona parte della classe politica liberale era convinta che sarebbe durato poco. Lo stesso Giolitti, del resto, inserendo i fascisti nei Blocchi Nazionali – l’alleanza elettorale per il rinnovo del Parlamento del maggio 1921 - si era illuso di poterne sfruttare la forza contro l’esuberanza della classe operaia, per poi far rientrare gli squadristi nella legalità. Il fascismo invece si stava rapidamente costituendo come una vera e propria struttura statuale alternativa e quindi in grado di sostituirsi al modello liberale in decomposizione.
avatar
In The Main
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 2025
Data d'iscrizione : 18.09.08
Località : Andria

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  andrisano il Gio Lug 30, 2009 12:23 pm

In The Main ha scritto:
bender ha scritto:punto 1): il fascismo in italia è salito al potere REGOLARMENTE (come il nazismo in germania, del resto);


La conquista del potere: la marcia su Roma (28 ottobre 1922)

La possibilità di conquistare il potere con la forza fu prospettata per la prima volta da Benito Mussolini il 29 settembre 1922, in una seduta segreta a Firenze della direzione fascista. La decisione di passare all’azione si ebbe il 16 ottobre 1922, nella riunione a Milano del gruppo dirigente fascista, nel corso della quale venne anche costituito il quadrumvirato che avrebbe diretto l'insurrezione, formato da De Vecchi, De Bono, Balbo e Bianchi. Pochi giorni dopo, il 24 ottobre, al Congresso fascista di Napoli, arrivò il proclama ufficiale di Mussolini: "O ci daranno il governo o lo prenderemo calando a Roma".

Secondo i piani, il quadrunvirato, insediato a Perugia, avrebbe assunto nella notte tra il 26 e il 27 i pieni poteri e nei due giorni successivi sarebbe seguita la mobilitazione delle squadre fasciste che avrebbero occupato i punti chiave dell'Italia centrale. Le bande destinate a marciare sulla capitale (26.000 uomini) furono inquadrate in quattro colonne (una di riserva e tre concentrate a Santa Marinella, Monterotondo e Tivoli) e cominciarono a muovere verso Roma il 27. Mussolini rimase a Milano in attesa degli sviluppi della situazione a livello governativo.

In grande ritardo, dopo la mezzanotte tra il 27 e il 28 ottobre 1922, il presidente del consiglio Luigi Facta, richiamato il re da San Rossore (Pisa) a Roma, convocò il Consiglio dei ministri per predisporre il decreto di stato d’assedio, che dava pieni poteri al governo per disperdere i fascisti con l'esercito. Il generale Pugliese, capo del territorio di Roma, predispose, con i suoi 28.000 uomini, la difesa della capitale. La mattina del 28 le bande fasciste vennero temporaneamente fermate a Civitavecchia, Orte, Avezzano e Segni.

Vittorio Emanuele III, che alle due del mattino aveva espresso il suo accordo con la decisione del governo, quando di prima mattina ricevette Facta con il decreto (che era già stato affisso nelle strade della capitale), anche perché influenzato dal parere negativo di Salandra e di Giolitti, si rifiutò di firmarlo.

Caduto Facta, il re propose a Mussolini un ministero con Salandra, ma il duce rifiutò sostenendo la richiesta di un governo interamente fascista. Il 29 ottobre Vittorio Emanuele cedette e chiese formalmente a Mussolini di formare il nuovo esecutivo.

Quando i fascisti entrarono a Roma, era già tutto deciso. Nonostante la successiva mitizzazione della "marcia", essa fu essenzialmente una parata: le squadre fasciste, infatti, giunsero nella capitale 24 ore dopo che Mussolini aveva già ricevuto l’incarico di formare il nuovo governo. Lo stesso duce arrivò a Roma in vagone-letto da Milano la mattina del 30 ottobre e la sera salì al Quirinale per sottoporre al re la lista dei suoi ministri.

La marcia su Roma e la conquista del potere da parte di Mussolini rappresentarono il momento culminante di un periodo di scioperi (il cosiddetto biennio rosso, 1919-20), violenza e illegalità diffusa cui le istituzioni dello Stato liberale – governi deboli e incapaci di durare a lungo - non erano riuscite a porre rimedio, e che aveva visto gli squadristi fascisti protagonisti, in contrapposizione ai socialisti, ai sindacati e alle leghe contadine.

Vissuto in forma minoritaria e marginale fino all’inizio del 1921, il fascismo si inserì nel vuoto di potere e nella crisi dello Stato liberale mediante la violenza e le spedizioni punitive delle "squadre d’azione" – spesso tollerate dalle autorità locali e in alcuni casi perfino appoggiate da esercito e polizia – contro Case del Popolo, sezioni socialiste e amministrazioni comunali rosse. Con le parole d’ordine del nazionalismo e dell’anti-socialismo, il movimento di Benito Mussolini raccolse in breve tempo il largo consenso sia di ex-combattenti, agrari a media borghesia urbana, sia dei centri di potere degli industriali e dell’alta borghesia (di qui la tesi secondo la quale l’avvento del fascismo avrebbe avuto la funzione di impedire la presa del potere da parte dei socialisti in Italia, accreditata anche dal fatto che le forze conservatrici europee inizialmente guardano con un certo favore all’ascesa di Mussolini).

Quando Mussolini andò al potere, buona parte della classe politica liberale era convinta che sarebbe durato poco. Lo stesso Giolitti, del resto, inserendo i fascisti nei Blocchi Nazionali – l’alleanza elettorale per il rinnovo del Parlamento del maggio 1921 - si era illuso di poterne sfruttare la forza contro l’esuberanza della classe operaia, per poi far rientrare gli squadristi nella legalità. Il fascismo invece si stava rapidamente costituendo come una vera e propria struttura statuale alternativa e quindi in grado di sostituirsi al modello liberale in decomposizione.

Grazie IN THE MAIN! mi hai risparmiato la fatica di cercare l'articolo da postare a bender, il quale forse fa un po di confusione o forse, per rafforzare la sua nota idea politica, cerca di modificare la realtà in linea con questa pratica ormai diffusa e consolidata nel suo schieramento.
e cmq forza ANDRIA!
avatar
andrisano
Primo Ufficiale
Primo Ufficiale

Numero di messaggi : 815
Data d'iscrizione : 31.07.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  Fox il Gio Lug 30, 2009 12:38 pm

Bender,stavolta mi sa che l'hai detta grossa...
e poi ancora con questa diatriba tra fascisti e comunsti?sono passati decenni...
p.s.
dj miky ma la punteggiatura,qualche accento,qualche articolo,u v'loim mett ogni tand?
anziche "taroccarvi" la coip su internet,magari qualcuno dovrebbe leggersi qualche libro di storia.

Fox
Timoniere
Timoniere

Numero di messaggi : 176
Data d'iscrizione : 12.07.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  dj_miki il Gio Lug 30, 2009 12:55 pm

Fox ha scritto:Bender,stavolta mi sa che l'hai detta grossa...
e poi ancora con questa diatriba tra fascisti e comunsti?sono passati decenni...
p.s.
dj miky ma la punteggiatura,qualche accento,qualche articolo,u v'loim mett ogni tand?
anziche "taroccarvi" la coip su internet,magari qualcuno dovrebbe leggersi qualche libro di storia.
scrivo cosi per nn essere troppo pesante...siamo su un forum pubblico Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy
ps nn so leggere, dei libri guardo solo le figure
Laughing Laughing Laughing

_________________
chi si accontenta gode, chi gode non si accontenta maiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
avatar
dj_miki
Admin
Admin

Numero di messaggi : 3556
Data d'iscrizione : 22.04.09
Località : ANDRIA

Vedi il profilo dell'utente http://www.futsalandria.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  ****0883**** il Gio Lug 30, 2009 1:00 pm

Fox ha scritto:Bender,stavolta mi sa che l'hai detta grossa...
e poi ancora con questa diatriba tra fascisti e comunsti?sono passati decenni...
p.s.
dj miky ma la punteggiatura,qualche accento,qualche articolo,u v'loim mett ogni tand?
anziche "taroccarvi" la coip su internet,magari qualcuno dovrebbe leggersi qualche libro di storia.
il fatto secondo me è ke libri giornali e tv manipolano le informazioni per tirare acqua al proprio mulino Exclamation Exclamation Exclamation
avatar
****0883****
Timoniere
Timoniere

Numero di messaggi : 230
Data d'iscrizione : 26.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  bender il Gio Lug 30, 2009 2:53 pm

"Potevo fare di questa Aula sorda e grigia un bivacco di manipoli: potevo sprangare il Parlamento e costituire un Governo esclusivamente di fascisti. Potevo: ma non ho, almeno in questo primo tempo, voluto".
Benito Mussolini

il regime il fascismo lo realizzò dopo, e sempre secondo legge, con la legge acerbo.

Studiate la storia...
avatar
bender
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 3158
Data d'iscrizione : 15.06.08
Età : 41
Località : Andria - Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  In The Main il Gio Lug 30, 2009 2:55 pm

bender ha scritto:"Potevo fare di questa Aula sorda e grigia un bivacco di manipoli: potevo sprangare il Parlamento e costituire un Governo esclusivamente di fascisti. Potevo: ma non ho, almeno in questo primo tempo, voluto".
Benito Mussolini

il regime il fascismo lo realizzò dopo, e sempre secondo legge, con la legge acerbo.

Studiate la storia...

vabè hai ragione tu...siamo tutti ignoranti in materia....scusaci maestro
avatar
In The Main
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 2025
Data d'iscrizione : 18.09.08
Località : Andria

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  Fox il Gio Lug 30, 2009 6:55 pm

Legge Acerbo
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai a: Navigazione, cerca
Questa voce sugli argomenti fascismo e diritto è solo un abbozzo.

Contribuisci a migliorarla secondo le convenzioni di Wikipedia.

La legge elettorale italiana del 1923 fu la legge elettorale adottata dal Regno d'Italia nelle elezioni del 1924. Essa è usualmente indicata come legge Acerbo dal nome del deputato Giacomo Acerbo che ne redasse il testo. [1]

La legge (approvata il 18 novembre 1923 con il n. 2444) fu voluta da Benito Mussolini allo scopo di assicurare al Partito Nazionale Fascista una solida maggioranza parlamentare.

Indice [nascondi]
1 Iter parlamentare
2 Effetti
3 Bibliografia
4 Note
5 Collegamenti esterni


Iter parlamentare [modifica]
Il 4 giugno 1923 il disegno di legge redatto da Acerbo fu approvato dal Consiglio dei ministri presieduto da Mussolini e il successivo 9 giugno venne presentato alla Camera e sottoposto all’esame di una commissione – detta dei “diciotto” – nominata dal presidente Enrico De Nicola secondo il criterio della rappresentanza dei gruppi.

La commissione fu composta da Giovanni Giolitti (con funzioni di presidente) e Vittorio Emanuele Orlando per il gruppo della "Democrazia", Antonio Salandra per i liberali di destra, Ivanoe Bonomi per il gruppo riformista, Giuseppe Grassi per i demoliberali, Luigi Fera e Antonio Casertano per i demosociali, Alfredo Falcioni per la “Democrazia italiana” (nittiani e amendoliani), Pietro Lanza di Scalea per gli agrari, Alcide De Gasperi e Giuseppe Micheli per i popolari, Giuseppe Chiesa per i repubblicani, Costantino Lazzari per i socialisti, Filippo Turati per i socialisti unitari, Antonio Graziadei per i comunisti, Raffaele Paolucci e Michele Terzaghi per i fascisti e Paolo Orano (in realtà anche lui fascista) per il gruppo misto. [2]

Tale legge prevedeva l'adozione del sistema maggioritario plurinominale all'interno di un collegio unico nazionale. Ogni lista poteva presentare un numero di candidati pari ai due terzi dei seggi in palio (tale meccanismo fu spacciato per democratico in quanto garantiva di converso alle minoranze un terzo dei seggi dell'assise parlamentare, anche nel caso fossero scese al di sotto del 33% dei suffragi), cioè 356 su 535, e la lista che avesse ottenuto la maggioranza con una percentuale superiore al 25% dei voti avrebbe eletto in blocco tutti i suoi candidati. I restanti 179 scranni sarebbero stati ripartiti proporzionalmente alle liste di minoranza, sulla base della legge elettorale del 1919.

Ulteriori modifiche alla legge elettorale precedente erano la riduzione dell'età minima per l'eleggibilità da 30 a 25 anni, l'abolizione della incompatibilità per le cariche amministrative per i sindaci, i deputati provinciali ed i funzionari pubblici, ad eccezione dei prefetti, vice prefetti ed agenti di pubblica sicurezza. Altra importante innovazione fu l'adozione della scheda elettorale al posto della busta.

La legge Acerbo venne approvata alla Camera dei Deputati il 21 luglio del 1923 con 223 sì e 123 no: a favore si schierarono il Partito Nazionale Fascista, buona parte del Partito Popolare Italiano[3], il Partito Liberale Italiano e altri esponenti della destra, quali Antonio Salandra; negarono il loro appoggio il Partito Comunista d'Italia ed il Partito Socialista Italiano. La riforma entrò in vigore con l'approvazione del Senato del Regno del 18 novembre[4] con 165 sì e 41 no. Nella discussione del disegno di legge presso il Senato ebbe un ruolo di primo piano il senatore Gaetano Mosca.


Effetti [modifica]
Alle elezioni del 6 aprile 1924 il Listone Mussolini prese il 61,3% dei voti (il premio di maggioranza era scattato, come prevedibile, per il PNF): i fascisti trovarono il modo di limare anche il numero di seggi garantiti alle minoranze, alla cui spartizione riuscirono a partecipare mediante una lista civetta (la lista bis) presentata in varie regioni e che strappò ulteriori 19 scranni, mentre le opposizioni di centrosinistra ottennero solo 161 seggi, nonostante al Nord fossero in maggioranza con 1.317.117 voti contro i 1.194.829 del Listone. Complessivamente, le opposizioni raccolsero 2.511.974 voti, pari al 35,1%.

Alessandro Visani scrisse[senza fonte] sull'importanza politica della legge:

« L'approvazione di quella legge fu - questa la tesi sostenuta da Giovanni Sabbatucci, pienamente condivisibile - un classico caso di "suicidio di un'assemblea rappresentativa", accanto a quelli "del Reichstag che vota i pieni poteri a Hitler nel marzo del 1933 o a quello dell'Assemblea Nazionale francese che consegna il paese a Petain nel luglio del 1940". La riforma forni all'esecutivo "lo strumento principe - la maggioranza parlamentare - che gli avrebbe consentito di introdurre, senza violare la legalità formale, le innovazioni più traumatiche e più lesive della legalità statuaria sostanziale, compresa quella che consisteva nello svuotare di senso le procedure elettorali, trasformandole in rituali confirmatori da cui era esclusa ogni possibilità di scelta". »

Fox
Timoniere
Timoniere

Numero di messaggi : 176
Data d'iscrizione : 12.07.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  Fox il Gio Lug 30, 2009 7:00 pm

Hai letto cosa prevedeva la legge Acerbo?
leggi anche il commento finale .
Il fatto che si sia andati al potere formalmente con una sistema elettorale previsto da una legge(del genere...),non significa che sia stato fatto democraticamente.
La storia bisogna anche saperla leggere...non basta leggerla,caro Bender

Fox
Timoniere
Timoniere

Numero di messaggi : 176
Data d'iscrizione : 12.07.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  bender il Ven Lug 31, 2009 2:08 pm

Fox ha scritto:« L'approvazione di quella legge fu - questa la tesi sostenuta da Giovanni Sabbatucci, pienamente condivisibile - un classico caso di "suicidio di un'assemblea rappresentativa", accanto a quelli "del Reichstag che vota i pieni poteri a Hitler nel marzo del 1933 o a quello dell'Assemblea Nazionale francese che consegna il paese a Petain nel luglio del 1940". »

la prossima volta che ne avrò bisogno, verrò a farmela leggere da te...
avatar
bender
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 3158
Data d'iscrizione : 15.06.08
Età : 41
Località : Andria - Bari

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  dj_miki il Ven Lug 31, 2009 5:03 pm

nn sò se essere dispiaciuto o felice visto la discussione, ke si sta scatenando dal mio ps al quanto provocatorio....cmq 1- voglio far notare a fox ke nella commisione ke approvò la legge c'erano presenti tutte le cariche politiche apparteneti a qualsiai partito....2- che il mio ps voleva far notare come due correnti di pensiero ke hanno lasciato tanti morti alle loro spalle(il secondo molte di piu) vengano giudicate in maniera inpari....anzi secondo me dire inpari è riduttivo, poike il primo a portato molto piu benessere economico....
apparte tutto resta il fatto ke oggigiorno alla guida della nostra citta c'e una persona ke prima spara a tabula rasa sulla sua coalizione...e solo 20giorni dopo si risiede sulla poltrona come nulla fosse successo
pale pale pale

_________________
chi si accontenta gode, chi gode non si accontenta maiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
avatar
dj_miki
Admin
Admin

Numero di messaggi : 3556
Data d'iscrizione : 22.04.09
Località : ANDRIA

Vedi il profilo dell'utente http://www.futsalandria.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  w andria il Sab Ago 01, 2009 12:19 pm

quoto
avatar
w andria
Cannoniere
Cannoniere

Numero di messaggi : 607
Data d'iscrizione : 06.09.08
Età : 24
Località : andria

Vedi il profilo dell'utente http://www.sslazio.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: zaccaro si è dimesso!

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum