Cassano show a Sanremo

Andare in basso

Cassano show a Sanremo Empty Cassano show a Sanremo

Messaggio  sensasenzo il Mer Feb 17, 2010 1:54 pm

Il barese travolgente al Festival: "Al c.t. gliele canterei, anzi, gliele suonerei", scherza, ma ribadisce: "Comunque sempre Forza Azzurri" Tra un apprezzamento alla Clerici ("Sei molto bella e brava") e a Gigi D'Alessio ("Il miglior cantante italiano") ammette: "Chi gioca a calcio lo fa per soldi"
SANREMO, 16 febbraio 2010 - Antonio Cassano parla sul palco del Festival di Sanremo, ospite nel corso della prima serata. "Ho accettato questo invito solo ed esclusivamente perchè, oltre a far felice la gente, i tanti doriani che sono in Liguria, sei molto bella e molto molto brava", dice il fuoriclasse della Sampdoria alla conduttrice, Antonella Clerici, alla quale parla di una grande passione per Gigi D'Alessio: "Ne sono innamorato... Non amo gli uomini, sia chiaro, ma amo molto lui. Tra i cantanti italiani è il più bravo. Le so tutte le canzoni, ma non chiedetemi di cantare". E aggiunge: "Se vuoi resto fino a domani mattina. Dovrei allenarmi, ma faccio uno strappo alla regola, visto che di regole non ne ho mai avute".

pastiglia — Non poteva mancare un accenno a Marcello Lippi: "A lui non vorrei cantargliela, gliele vorrei suonare", scherza. Poi, una dedica musicale al c.t.: "Pigliate 'na pastiglia.". Il barese continua: "Tutti gli allenatori dicono che sono talmente bravo che mi prenderebbero, tutti mi vogliono ma nessuno mi prende, forse hanno paura. Ma io sono talmente bravo...". Sulla convocazione eventuale in Nazionale: "Forse avrò giocato una ventina di anni fa. Sono italiano e innamorato degli Azzurri: indipendentemente da quello che avverrà a giugno dirò sempre Forza Italia".

errori e soldi — Entrando più nel privato Cassano ricorda i suoi errori: "Lanciare la maglia in faccia è lo sbaglio che non rifarei. Gli altri sì". Su Totti: "Lui è un amico, è stato molto importante per me quando sono arrivato a Roma. Poi per colpa mia l'ho allontanato, ho fatto disastri. Lui mi vuole bene e anch'io gli voglio bene. Tanto". Prosegue la pioggia di battute: "Ho fatto 17 anni da disgraziato e 10 da miliardario, ne devo fare ancora 7 per pareggiare. Il gol contro l'Inter mi ha cambiato la vita, mi ha fatto conoscere e mi ha fatto guadagnare i soldi, perchè c'è tanta ipocrisia, ma chi gioca a calcio lo fa per soldi". Soldi con cui il barese ha comprato la macchina: "Avevo 17 anni, ma non avevo la patente e me l'hanno tolta".

da gazzetta.it




se l' argomento non vi interessa, non rispondete, non vale la pena dare risposte come c' ro m n fraic a magl
sensasenzo
sensasenzo
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 1007
Data d'iscrizione : 08.01.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum